Archivio mensile:luglio 2012

Cocktail Original Margarita

INGREDIENTI – Succo di lime (0,5 cl.), Cointreau (2 cl.), Sour Mix (6 cl.), Tequila El Jimador (4 cl.), Sale, Mezza fetta di limone

Preparare direttamente nel bicchiere con 3 cubetti di ghiaccio. Versare il succo di lime, il Cointreau, il Sour Mix e la Tequila. Ricoprire il bordo del bicchiere di sale e decorare con mezza fetta di limone.
Non vi resta che venire da noi per trovare tutti gli ingredienti!!!

Maraschino Luxardo

Maraschino Luxardo Originale 32°

Il Maraschino è ancor oggi prodotto secondo la speciale formula creata da Girolamo Luxardo nel 1821. Distillato dalle marasche delle piantagioni Luxardo, invecchiato a lungo in speciali tini di frassino finlandese, ed imbottigliato con le più moderne tecniche, il MARASCHINO LUXARDO è una specialità italiana che da oltre 185 anni è presente in tutti i principali paesi del mondo. La famiglia Luxardo custodisce ancor oggi la ricetta originale del Maraschino, e garantisce la continuità nella gestione di una delle più antiche aziende liquoristiche del mondo. Una particolarità della tradizione Luxardo consiste nel diretto controllo dell’intero ciclo produttivo del Maraschino, dalla coltivazione delle ciliegie marasche fino all’impagliatura delle classiche e tipiche bottiglie. La costante ed accurata selezione delle piante di marasca in un vivaio di tre ettari annesso allo stabilimento, il controllo della fioritura e dell’impollinazione mediante apicoltura pronuba, la cernita del frutto, garantiscono l’idoneità della materia prima fornita esclusivamente da oltre 20.000 alberi nel comprensorio dei Colli Euganei.

Il Maraschino Luxardo è un classico dell’arte liquoristica italiana, e la sua tipica bottiglia impagliata rappresenta ormai una vera e propria icona nel panorama delle confezioni di largo consumo. Il Maraschino è uno dei pochissimi liquori dolci al mondo ottenuti per distillazione. Deriva dalla distillazione della marasca, una varietà della ciliegia, coltivata in esclusiva dalla Luxardo. Il distillato viene invecchiato per due anni in tini di frassino finlandese (legno che non conferisce colorazione anche dopo anni di invecchiamento), e successivamente diluito e zuccherato.

Colore: trasparente. 

Profumo: tipico del distillato di marasca, di eccellente intensità aromatica, fine e ben amalgamato, senza note aggressive. 

Gusto: tipico di marasca, armonioso ma deciso, inconsueto nei liquori dolci per la stoffa del distillato,chiaramente percepibile nonostante la gradazione moderata. Grande rotondità del sapore, e sorprendente persistenza aromatica. 

Packaging: La confezione del maraschino è brevettata: bottiglia rotonda in vetro verde, con capsula rossa e impagliatura a mano. Etichetta in cui compaiono alcune delle numerosissime medaglie vinte in gare internazionali dalla metà dell’800 in poi. Retroetichetta contenente diciture di legge e suggerimenti di consumo.

Utilizzo del Maraschino:

Liscio o “on the rocks” come after-dinner;
Con acqua tonica ghiacciata o succo d’arancia come bevanda rinfrescante;
Come correzione del caffè;
Nel bere miscelato, nei numerosi cocktails internazionali codificati con l’impiego del Maraschino come ingrediente: Mary Pickford, Cuba Libre, Daiquiri, Screwdriver, Derby Royal,York Special, Dewey Flip, Cider Cobbler, Gilmore Punch, etc.;
Con la frutta: ananas, fragole, arance affettate, macedonia, ecc.;
Nei classici impieghi di pasticceria.

Carpano Antica Formula

Antica Formula è un vermut rosso pregiato prodotto con la stessa ricetta messa a punto da Benedetto Carpano nel 1786. Prodotta in quantità limitata con sapiente cura artigianale e confezionata in pregiate bottiglie numerate in vetro soffiato. Chiusa con un tappo in sughero. Eccellente come aperitivo, riserva affinate sorprese nel dopo pasto.

11 GIOVANI ARTISTE PALERMITANE IN MOSTRA A TORINO


IN OCCASIONE DELLA MOSTRA IL PASTIS PROPORRA’ COME APERITIVO I PRODOTTI PROMOSSI DALLA REGIONE SICILIA
Torna il binomio Palermo/Torino, si ripercorre quel filo che unisce queste due cittá in un legame vivo e profondo. Dopo il successo di Palermo Love♥ – la collettiva inaugurata nel settembre del 2010 – il TAC Temporary Art Café in collaborazione con l’Associazione Culturale Azimut, con il sostegno della Regione Piemonte, e con il Patrocinio della Regione Sicilia – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – si prepara ad ospitare nuovamente la Sicilia. 
Mercoledí 25 luglio 2012 inaugurerá MI VOTU E MI RIVOTU (a Torino). Una mostra che prende vita da una selezione totalmente al femminile, non per scelta, ma per necessità… 11 artiste “sicule” che attraverso i diversi linguaggi offriranno la loro riflessione, con sensibilità e passione, sui fremiti e sull’irrequietezza che accompagnano il “votarsi e rivotarsi*”.
La mostra viene riproposta nella città piemontese dopo esser nata lo scorso agosto site-specific dentro i vicoli della suggestiva Sciacca (Agrigento). Si confronta adesso con un luogo che non è quello di appartenenza, “emigra” al Nord – ripercorre i viaggi e gli spostamenti di cui la storia siciliana – e dei siciliani – è piena.
In questo modo si decontestualizza, ma si presenta con la ricchezza e la contemporaneità del lavoro di queste artiste, che mantengono la passione cantata da Rosa Balistreri, assimilano la “sicilianità” ed in un fremito creano opere di estrema apertura che distruggono i localismi, oltrepassano il folclore, ma mantenendo la forza originaria, si tramutano in qualcosa di libero e indipendente.

*Mi votu e mi rivotu è il titolo di una delle più belle canzoni d’amore della musica popolare siciliana, la più ascoltata nel repertorio di Rosa Balistreri ed è il canto che più viene associato alla grande artista siciliana.
La canzone è antichissima, veniva cantata in molti paesi della Sicilia sia orientale che occidentale presumibilmente già nel 1870, e questo fa pensare che la canzone sia ancora più antica almeno di 100 anni perché tale è il periodo di tempo che una canzone scritta da un autore (oggi sconosciuto come in quasi tutti gli autori dei canti popolari) impiega a diventare canzone di tutti assumendo così i connotati di canto popolare, per cui certamente si può far risalire ai primi anni del 1700.

Chambord

Novità, novità e novità!!!!

L’ultimo arrivato è il più famoso dei liquori Francesi. Dolce e caramellato, di consistenza quasi sciropposa, di colore scuro, quasi nero, creato con lamponi neri infusi in Cognac di 4 anni. Completato con More, Susine, Miele e Erbe assortite.

Servito liscio (meglio freddo) o On The Rocks.

Mixato frequentemente con Cognac o Champagne

Lo puoi trovare da noi!!



Distilleria Quaglia

Il rosolio….
quanti ricordi!!
E’ un prodotto tradizionale piemontese dalle inconfondibili note floreali e dal moderato contenuto alcolico .
Può essere consumato a qualsiasi ora del giorno come era abitudine nel tempo passato, o a fine pasto possibilmente freddo . Per i più golosi in piccoli bicchieri di cioccolato fondente.
Gradevole liquore cremoso dal moderato contenuto alcolico, prodotto esclusivamente con estratti naturali di liquirizia .
Pieno e corposo al palato con il suo inconfondibile gusto, rappresenta un originale fine pasto dalle proprietà digestive.

Consigliamo di servirlo freddo in piccoli bicchieri di cioccolato fondente.


L’assenzio è un distillato ad alta gradazione alcolica all’aroma di anice derivato da erbe quali i fiori e le foglie dell’assenzio maggiore (Artemisia absinthium), dal quale prende il nome.
Essendo generalmente di colore verde (naturalmente o mediante l’uso di coloranti), l’assenzio si è affermato anche con l’epiteto Fée Verte (Fata Verde). Viene generalmente bevuto aggiungendo dell’acqua ghiacciata e/o dello zucchero. Questo tipo di preparazione rende il distillato più torbido per consistenza e più leggero per gradazione alcolica, cosa che consente di degustarne meglio il sapore. Per questo motivo tale era il modo più comune di gustarlo nell’800, secolo di massima diffusione dell’assenzio.
L’assenzio è prodotto per macerazione e diretta distillazione degli ingredienti tra cui ricordiamo i semi di finocchio, l’issopo, la melissa, l’artemisia pontica, l’angelica, la menta, il genepì, la camomilla, il coriandolo.
Il liquore si ottiene per distillazione dell’intera pianta, previa macerazione della stessa in alcool. In un secondo momento è possibile trattare il distillato così ottenuto, in infusione con erbe scelte, sia per dare una colorazione al distillato stesso e fargli acquisire la tonalità desiderata nella presentazione estetica del prodotto, che permettergli di acquisire nuovi aromi.
Tradizionale liquore ottenuto mediante la macerazione di bucce di limoni siciliani in alcol per un periodo
non inferiore ai sessanta giorni. 
Naturale, fragrante, prodotto senza uso di aromi o coloranti sintetici.